B2 Girone B

Un’impavida Pavidea espugna Ferrara

pavidea steeltrade
pavidea steeltradePavidea Steeltrade, il rischio è il mio mestiere. La trasferta di Ferrara portava con sé parecchie incognite, sia per la assenza della infortunata Lorena Amasanti, sia perché le fiorenzuolane non stavano ancora al top del rendimento. E contro un’altra neopromossa desiderosa di sfruttare il fattore campo e cancellare lo zero in classifica, erano veri e propri rischi. Le premesse della vigilia si sono puntualmente concretizzate sul parquet.
Le ferraresi, giovani ma piene di entusiasmo, hanno trovato sprazzi di gloria, soprattutto nel terzo set quando la Pavidea Steeltrade è andata spesso in confusione, smarrendosi inesorabilmente. Il divario tecnico tra fiorenzuolane ed estensi era evidentissimo, la gara era da terno secco, ma le ragazze di Davide Zanichelli hanno voglia di continuare a regalare emozioni e mettere a dura prova cuore e coronarie. La terza frazione è stata una vera e propria caccia alle streghe: estensi su di giri e fiorenzuolane a terra.
Alla fine è arrivata una altra vittoria. E questo è il fattore più importante, ma è evidente che il tecnico Zanichelli avrà ancora molto lavoro da fare per portare Ciarlini e compagne ai livelli massimi. Le note positive della serata arrivano dalla Under Anna Boniotti, entrata a pieni voti nel tabellino delle grandi, e dalla reattività del gruppo che ha dato il colpo di pedale decisivo in un quarto set cominciato male e poi finito in gloria.
Sei punti in classifica, punteggio pieno. Aspetti e cifre che fanno morale e possono aiutare a programmare il futuro senza troppe incertezze, però è necessario un cambio di mentalità per non rendere serate tutto sommato tranquille, veri e propri incubi. Stop. Punto. Si guarda avanti. All’immediato futuro. Alla seconda trasferta consecutiva. Sabato primo novembre alle 19,00 la Pavidea Steeltrade sarà di turno al “Palaliceomoro” di Reggio Emilia ospite dell’Arbor Interclays tornata dalla trasferta di Forlì con un pugno di mosche e tanti rimpianti. Le emiliane, guidate dai tecnici Nicola Piccinini e Paolo Rabitti, costituiscono un complesso ricco di qualità che sa esprimere una buona pallavolo fatta dal ritmo imposto dalla palleggiatrice Valentina Cocconi e dalla potenza dell’assortito reparto schiacciatrici nel quale spicca la diciottenne Francesca Burani rientrata dal prestito alla Anderliniunicomstark Sassuolo.  La campagna acquisti è stata mirata ed ha portato alla corte del confermatissimo Nicola Piccinini giocatrici di categoria, come il “centrale” Valentina Nasi e la schiacciatrice Ramona Bonetti che la B/2 la conoscono a memoria. Pochi innesti, molte conferme e ritorni per una squadra da prendere con le pinze. Per la Pavidea Steeltrade un test significativo alla immediata vigilia dello scontro al vertice da tutto esaurito con l’Abo Offanengo della ex Noemi Barbarini, di scena al “Palamagni” sabato 8 novembre. Direttori di gara saranno Riccardo Barabani e Alessandra Pilati di Rovigo.
Il programma completo del terzo turno di andata: Arbor Interclays Reggio Emilia-Pavidea Steeltrade Fiorenzuola (sabato 1 novembre ore 19,00), Anderlini Unicomstark Sassuolo-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia, Abo Offanengo-Liberta Volley Forlì, Banca Lecchese Picco-Ferrara nel cuore, Volley Cesena Riv-Easy Volley Desio, Clai Imola-Alkim Banca Cremasca Crema, Sanda Volley Brugherio-Pallavolo Volta Mantovana.

I commenti sono chiusi

Tema di Anders Norén