Serie A

Delta Informatica Trentino, una rimonta da urlo. Le gialloblù superano Aversa al tiebreak e infilano il terzo acuto consecutivo

Delta informatica Aversa-02
Delta informatica Aversa-02
DELTA INFORMATICA TRENTINO – CLENDY AVERSA 3-2 (19-25, 20-25, 25-17, 25-18, 15-7)
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Demichelis 5, Marchioron 21, Segura 17, Guatelli 3, Repice 14, Zuleta 15, Zardo (L); Michieletto 0, Pistolato 8,  Bortoli 0, Bogatec ne, Antonucci ne. All. Marco Gazzotti.
CLENDY AVERSA: Drozina 1, Lukovic 16, Jelic 8, Astarita 11, Neriotti 8, Salamone 13, Bresciani (L); Vujko 0, Modena 0, Tasca ne, Devetag 4, Focosi 0. All. Luciano Della Volpe.
ARBITRI: Rachela Pristerà e Antonio Licchelli.
DURATA SET: 23′, 28′, 26′, 25′, 15′ (tot. 1h57′)
NOTE: Delta Informatica (err.az. 12, err.batt. 13, ace 7, muri 13); Aversa (err.az. 11, err.batt. 6, ace 5, muri 10).
Che impresa. La Delta Informatica Trentino firma la “remuntada” in casa contro il Clendy Aversa, cogliendo la vittoria (la terza consecutiva) al tie-break dopo essersi trovata in svantaggio di due set. Dopo i primi due parziali, giocati in maniera negativa, è arrivata la riscossa, con Aversa incapace di contrastare la voglia di rimonta delle gialloblù, trascinate anche dal rumoroso pubblico del Sanbàpolis. Con questo successo la Delta Informatica sale a Delta Aversa-03quota 26 punti, rimanendo al sesto posto della graduatoria con Olbia, al momento in quarta piazza, distante ora quattro lunghezze.
Top scorer della partita Giada Marchioron con 21 punti, decisiva a partire dal terzo set con diverse soluzioni offensive (pipe, pallonetti, mani-out) che hanno mandato in crisi il muro campano. Bene anche Zuleta al centro della rete (15 punti di cui 5 muri) e Pistolato in banda, che ha contribuito in maniera importante alla vittoria della Delta Informatica con 8 punti personali entrando a gara in corso.
Mister Gazzotti conferma il sestetto vittorioso contro Olbia sette giorni fa: Demichelis al palleggio, Marchioron opposto, Segura e Guatelli schiacciatrici, Repice e Zuleta centrali e Zardo libero. Dall’altra parte della rete Luciano Della Volpe, allenatore di Aversa, opta per la diagonale Drozina-Lukovic, Jelic e Astarita in posto-4, Neriotti e Salamone centrali e Bresciani libero.
L’avvio del primo set è equilibrato, con la Delta che mantiene la scia di Aversa fino al 9-9 (ace sporco di Segura); da lì in poi le difficoltà trentine si fanno sentire, con Repice che non riesce ad essere efficace come di consueto (11-15 con attacco out della centrale calabrese), a differenza della collega di reparto Zuleta che è l’unica a perforare il muro avversario con regolarità. La Delta Informatica commette numerosi errori al servizio che permettono al Clendy di mantenere un vantaggio costante (19-22) e di trovare nel finale lo sprint decisivo, con i muri di Neriotti e Jelic che fermano due volte gli attacchi di Repice per il 19-25.
Delta Aversa-01Nel secondo parziale le cose per la Delta Informatica purtroppo non migliorano: Demichelis non riesce a coinvolgere le sue attaccanti, con Guatelli in difficoltà (poi sostituita da Pistolato) e Marchioron poco ispirata. Aversa ha il merito di sbagliare poco e approfittare dei tanti errori trentini (6-8, 11-16), arrivando velocemente al 15-21. Qui la Delta Informatica ha un sussulto d’orgoglio annullando ben quattro set point, prima che le campane trovino con Jelic l’attacco del 20-25 che spegne la rimonta trentina.
Gazzotti nel terzo set conferma Pistolato in banda al posto di Guatelli e scuote le sue atlete, con risultati decisamente efficaci: è tutta un’altra squadra quella che si vede al Sanbàpolis, con Marchioron che comincia a martellare come al suo solito, rendendosi soprattutto efficace con la pipe (12-7). Il Clendy sembra alle corde (15-7 con errore di Astarita) ma pian piano con Lukovic e Devetag prova a recuperare (18-15, poi sale in cattedra Repice che mura l’opposto avversario (20-16) e trova l’ace del 23-17, e la Delta Informatica chiude 25-17 con l’attacco out di Devetag.
Sulle ali dell’entusiasmo le padrone di casa confermano di essere rinate: Marchioron e Pistolato lanciano la prima fuga (8-5), Aversa è più fallosa in attacco (19-13 con l’errore di Jelic) e il muro successivo di Segura su Lukovic dà i titoli di coda al set, concluso 25-18 grazie alla doppia in palleggio di Focosi.
Si va quindi al tie-break, dove la Delta Informatica Trentino è praticamente perfetta: l’avvio è equilibrato (5-5), poi Pistolato trova uno spettacolare muro dopo uno scambio emozionante. E’ la scossa che lancia le trentine, che si porta sul 10-7 dopo due strepitosi attacchi di Segura. Al servizio si presenta Repice che infila tre ace consecutivi e consegna il successo alla Delta Informatica, che chiude 15-7 con la pipe di Marchioron.
«Dopo i primi due set era francamente difficile ipotizzare una nostra vittoria – commenta Marco Gazzotti, tecnico della Delta Informatica Trentino – ma le ragazze hanno dimostrato ancora una volta di avere tanto cuore e di non volersi arrendere mai. I primi due parziali sono stati davvero brutti, in cui praticamente non siamo scesi in campo; poi dal terzo set in avanti abbiamo cominciato a giocare come avevamo stabilito e i risultati si sono visti, perché da quel momento in poi Aversa non è più riuscita a contenerci. Faccio i complimenti a Stefania Pistolato perché il suo ingresso è stato importante, si sta allenando bene e recentemente quando entra riesce sempre a offrire un ottimo contributo».
In allegato alcune immagini della partita (foto Gabriele Margon – Trentino Rosa)

I commenti sono chiusi

Tema di Anders Norén